Tocca a te

… Gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare»…

Tocca a te

Matteo 14,13-21

Tocca a te. 13 Avendo udito questo, Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. 14 Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. 15 Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: “Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare”. 16 Ma Gesù disse loro: “Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare”. 17 Gli risposero: “Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!”. 18 Ed egli disse: “Portatemeli qui”. 19 E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla. 20 Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. 21 Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

TOCCA A TE!
“Congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare!”, è la risposta diplomatica degli apostoli davanti ad una folla di cinquemila uomini più le donne e i bambini. Detta in parole più crude: “Si arrangino… Non siamo mica organizzatori di weekend sull’erba!” E questa frase continua a riecheggiare nel nostro mondo soprattutto là dove c’è la fame, la povertà, le miserie. “Sono fatti loro… E io cosa ci posso fare… Non è compito mio… Ci sono strutture apposta, paghiamo le tasse proprio per questo… Qualcuno dovrà pur pensarci… Mica posso portarmi a casa tutta quella gente… E poi, diciamola tutta, anche loro devono darsi da fare e non pretendere sempre dagli altri… Noi abbiamo già guai a sufficienza per conto nostro. Davanti a questi pensieri e a questi luoghi comuni Gesù oggi ci butta in faccia, con la massima naturalezza: “Non occorre che vadano: date voi stessi da mangiare”. Concretamente, Lui ci dice: “Poche storie. Tocca a te. È faccenda anche tua, non puoi tirarti indietro!”.

“Signore, aiutami a divenire pane spezzato per coloro che incontrerò oggi sul mio cammino.”

le clarisse di Mantova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!