Come me stesso

“…Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”.

Come me stesso

Come me stesso. Allora si accostò uno degli scribi che li aveva uditi discutere, e, visto come aveva loro ben risposto, gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c’è altro comandamento più importante di questi». Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v’è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici». Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

COME ME STESSO. Quando riflettiamo sul comandamento dell’amore forse scivoliamo via troppo velocemente su quel “come te stesso”. Quando Gesù ci chiede di amare il prossimo come se stessi, ci obbliga a guardare il rapporto che abbiamo col nostro “dentro”, col nostro intimo. Gesù ci sta dicendo: amati! (con l’accento sulla prima “a”!). Che significa: accetta ciò che sei, i tuoi limiti, le tue parti oscure. Un falso cristianesimo ci impedisce di gioire di noi stessi, vedendo in questo atteggiamento un atto di egoismo. Egoismo è, invece, non accettare il proprio limite. L’egoista appare, si sforza di vendere un’immagine di sé che gli impedisce di rientrare in se stesso e gioire. Allora chiediamoci quanto ci amiamo, quanto ci perdoniamo. Sì, è vero, ci vuole tutta una vita per imparare ad amare, ma si può fare! Si può arrivare a guardarsi come ci vede e ci ama Dio. Allora possiamo amare dell’amore che abbiamo ricevuto. Allora possiamo davvero vivere riconciliati nel profondo e con i fratelli.

“Grazie Signore perché mi ami e mi chiami ad amare.”

Buona giornata!
Le Sorelle Clarisse
(in parte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!