Stanchi e Oppressi

In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.

Stanchi e Oppressi

Matteo 11:28-30

Stanchi e Oppressi. Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».

STANCHI E OPPRESSI. Andiamo a lui! Noi che siamo affaticati ed oppressi.
Andiamo a lui, noi che portiamo dei macigni nel cuore, che non capiamo, che non abbiamo risolto i grandi interrogativi della vita. Andiamo a lui, noi che siamo travolti dalle disgrazie, dalla malattia, dal dolore, dopo averli strenuamente combattuti, dopo avere cercato in ogni modo di restare a galla. Andiamo a lui. E’ il Signore l’unico e il solo che offre speranza, che realizza la salvezza in noi. È lui, il Signore, che può offrire una sosta di ristoro nel difficile cammino della vita. E impariamo da lui ad accogliere con mitezza gli eventi. E con umiltà. Consapevoli, cioè, dei limiti che la vita porta in sé e dei limiti che portiamo in noi stessi.
In questa calda giornata di mezza estate il Signore ci propone di fare delle vacanze esclusive con lui: l’unico che offre ristoro alla nostra vita. E ci propone di andare nel luogo più esclusivo che c’è: il nostro cuore. Che sia questa per noi la vera vacanza che, unica, ci può rigenerare?

“Egli dà forza allo stanco e moltiplica il vigore allo spossato.” (Is 40,29)

Buona giornata!
le clarisse di Mantova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!