Quando si spostano

… In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile.

Quando si spostano

Matteo 17,14-20

Quando si spostano. 14 Appena ritornati presso la folla, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio 15 e disse: “Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. 16 L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo”. 17 E Gesù rispose: “O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me”.  E’ Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito. 19 Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: “Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?”. 20 Ed egli rispose loro: “Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile”.

QUANDO SI SPOSTANO LE MONTAGNE
La preghiera che nasce da chi ama, e soffre, probabilmente arriva a Dio con una dirittura prioritaria. Ecco perché quando una preghiera simile non viene esaudita, anche la fede vacilla. Ma la sofferenza è un mistero e Dio ci chiede di vincere questo mistero fidandoci, e non tirando conclusioni con ragionamenti affrettati.
Il fatto del vangelo di oggi narra proprio di una mancata guarigione da parte dei discepoli. Essi si stupiscono per l’inefficacia del loro intervento. E la cosa che più preme ai discepoli è sapere il perché del loro fallimento. Gesù risponde, in modo quasi “spietato”, che ciò è dovuto alla loro poca fede.
E’ una sentenza che dovrebbe farci riflettere molto. L’errore dei discepoli non è tecnico. Non hanno sbagliato rituale, o parole, o gesti, o intenzioni. Ma ciò che dà valore a tutto è l’avere o non avere fede. La fede vera consiste nel credere più in Gesù che nelle nostre forze, più in Lui che nei nostri schemi e nelle nostre capacità organizzative.
Allora tutto accade, tutto si sposta, tutto si rianima, tutto guarisce.
Allora cadono i muri delle paure e i dubbi montagnosi.

“Credo, Signore, ma tu aumenta la mia fede!”

Buona giornata!
le clarisse di Mantova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!