Nulla possiamo trattenere

Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede… nulla possiamo trattenere…

Nulla possiamo trattenere

Luca 12,13-21

Nulla possiamo trattenere. 13 Uno della folla gli disse: “Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità”. 14 Ma egli rispose: “O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?”. 15 E disse loro: “Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede”. 16 Poi disse loro una parabola: “La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. 17 Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? 18 Farò così – disse -: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. 19 Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. 20 Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. 21 Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio”.

NULLA POSSIAMO TRATTENERE
Se abbiamo il coraggio di guardare con onestà la nostra vita, ci renderemo conto che in realtà noi non possediamo nulla: tutto ci è stato dato e tutto ci può essere tolto in qualunque momento: il corpo, le relazioni, il ruolo sociale, la vocazione e ovviamente la vita.
Che cosa possiamo considerare come nostro? Passiamo la vita illudendoci di essere proprietari, attaccandoci alle cose come se fossero un nostro possesso, senza renderci conto che in realtà siamo dentro una “corrente d’amore”, in cui continuiamo a ricevere, attimo dopo attimo, senza diventare mai proprietari di nulla.
Non c’è nulla che possiamo trattenere. Tutto ci è dato perché continui a fluire e a trasformarsi in amore.
Possiamo anche non crederci o non accettarlo, ma sarà la vita che ci metterà inevitabilmente davanti alla nostra mancanza di possesso. La vita è una corrente d’amore da abitare. Il peccato è proprio bloccare questa corrente d’amore, trattenerla per sé, impedire che giunga ad altri.

Insegnaci a contare i nostri giorni e acquisteremo un cuore saggio. (Sal 90)

Buon inizio di settimana!
le sorelle clarisse

Precedente Di Cesare o di Dio? Successivo Pronti al via