Misurare le Parole

“…Sia invece il vostro parlare: Sì, sì; No, no; il di più viene dal Maligno”.

Misurare le Parole

Misurare le Parole. Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti; ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio; né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re. Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno.

MISURARE LE PAROLE. Il Vangelo di oggi ci invita a un’igiene delle parole. Un credente non dovrebbe giocare con le parole. Il suo parlare dovrebbe essere molto chiaro e asciutto senza la preoccupazione di far contenti tutti. È il di più che poi alla fine ferisce, crea problemi, giudica, sparla. Gesù oggi ci invita a chiamare per nome le cose. A saper dire Si e No davanti alla verità o alla menzogna. Ci invita a misurare il potere tremendamente distruttivo che delle volte possono avere le nostre parole. Un cristiano dovrebbe parlare poco, e quando parla, dovrebbe farlo sempre per dire il bene, per benedire appunto. E se è costretto a dire il male lo deve fare facendo sempre molta attenzione a non farlo alla maniera del diavolo che confonde peccato e peccatore. C’è una misericordia anche della lingua che il più delle volte si esprime con il silenzio. Chi mostra un’attitudine al silenzio è come una grande sinfonia dove le pause e i respiri rendono le note più chiare, più belle, più orecchiabili. Chi parla poco e bene, rende più significativo ciò che dice.

“Poni, Signore, una custodia alla mia bocca, sorveglia la porta delle mie labbra.” (Sal 141)

Buona giornata!
Le Sorelle Clarisse (in parte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!