Crea sito

Il nostro Pianeta Terra

Che fine farà il nostro Pianeta Terra?

Il nostro Pianeta Terra. Un saluto a tutti! Sono le ore 05,22 di giovedì 12 novembre e come ben sapete, non sono un tipo a cui piace dormire e pertanto vi scrivo questo articolo, sperando di fare cosa gradita a tutti. L’argomento in questione, che mi è venuto in mente questa mattina, riguarda, come da titolo, il nostro amato Pianeta Terra… mi spiego meglio. Mi stavo chiedendo: Come si vedrà dall’alto, il nostro Pianeta Terra? Io personalmente, non ho proprio idea, visto che non ho mai preso un’aereo, figuriamoci dallo spazio, però ho dei pensieri a riguardo e pertanto cerco di immaginare, cosa pensa Madre Natura, a riguardo di questo pianeta, che l’uomo ha quasi distrutto, con le sue stesse mani.
Pensiamo a cosa potrebbe dire il signor Cielo. Io lo immagino, a colloquio con Fratello Sole e Sorella Luna… questi ultimi due, cosa vi ricorda?

Dolce è sentire
Come nel mio cuore
Ora umilmente
Sta nascendo amore
Dolce è capire
Che non son più solo
Ma che son parte di una immensa vita
Che generosa
Risplende intorno a me
Dono di Lui
Del Suo immenso amore
Ci ha dato il Cielo
E le chiare Stelle
Fratello Sole
E Sorella Luna
La Madre Terra
Con Frutti, Prati e Fiori
Il Fuoco, il Vento
L’Aria e l’Acqua pura
Fonte di Vita
Per le Sue Creature
Dono di Lui
Del suo immenso amore
Dono di Lui
Del suo immenso amore

Ci ricorda la vita semplice di San Francesco d’Assisi… che belle queste parole vero?
Io invece, come scritto sopra, immagino quale potrebbe essere, il pensiero nei giorni nostri, dei vari interpreti, che si trovano sopra le nostre teste.
Immagino che per caso, si incontrano questi amici e si salutano in questo modo.

Ciao sole, come stai, chiede il signor cielo. Risponde sole: Come vuoi che stia, sono un po’ amareggiato, ma vado avanti ugualmente. Cielo risponde: perché mi dici che sei amareggiato? Posso saperlo? Risponde sole: Sono amareggiato, perché questa estate, dovevo cercare di essere meno presente, così da non dare possibilità all’uomo di incontrarsi al mare e farsi del male… povero me. Cielo, con una piccola risatina risponde: E tu, per tanto poco, vuoi essere amareggiato per questo? Cielo continua a ridere dicendo? Ma dopo migliaia di anni, che infondi la tua bellissima luce, su questo bellissimo pianeta, almeno un tempo era così, non hai ancora capito che l’uomo si autodistrugge piano piano e primo poi ci riuscirà? Non essere triste per questo, non è colpa della tua luce splendente, calda e pura, se l’uomo si ritrova in queste pessime condizioni. Ad un certo punto, passa da quelle parti sorella Luna e dice: Ciao ragazzi, come state? Continua a dire: Non credo che stiate cosi bene, visto le vostre facce… è successo qualcosa? Cielo risponde: ciao luna e ben rivista. Purtroppo è successo, che sole si sente in colpa, in quanto pensa di essersi comportato male, a riguardo dell’uomo, non so se mi hai capito e nel dire questo, cielo si permette di fare un occhiolino! Risponde Luna: Ho capito, a cosa si riferisce sole. È un vecchio discorso che spesso faccio anche con tutti gli altri. Caro sole, devi capire e fartene una ragione, che lo stesso uomo, ha la distruzione nel cuore. Tu sei la luce del giorno, ma io sono la luce della notte. Certamente non posso illuminare come te, non ho una bella luce come la tua, ma certamente nel mio piccolo, ho fatto tanto per lo stesso uomo, che per adesso non vedo neanche più la notte e per questo sono molto triste e continua: Cielo, invece tu come stai? Cieli risponde? Come vuoi stare, con tutto questo smog, mi sento male, sotto ogni punto di vista. Dopo anni ed anni di soprusi, come la bomba atomica, gas di scarico di continuo, industrie che scaricano di tutto e continuano ad inquinarmi… come mi devo sentire? Senza parlare delle due Guerre Mondiali? Povera aria, che brutta fine sta facendo… a me non scappa nulla, sono presente in tutto il globo… quante cose potrei raccontare… Risponde sole: Sapete, qualcuno va sostenendo, che tra qualche tempo, mi spegnerò per sempre, come se fosse mia la colpa… mah… risponde luna: Caro sole, impara a non tener conto di nessuno. Tu continua a fare il tuo amato lavoro e non preoccuparti del futuro ok? Risponde sole: Grazie luna, hai perfettamente ragione, mi faccio sempre problemi, cercherò di migliorare su questo aspetto. Ad un certo punto arriva pioggia e tutti lo salutano fraternamente e lui risponde? Ciao a tutti. State in riunione o vi siete incontrati per caso? Risponde cielo: Ci siamo incontrati per caso e stavamo a scambiare quattro chiacchiere. Risponde pioggia: Sarà un argomento importante, visto le vostre facce. Risponde luna: Hai perfettamente ragione. Continuiamo a farci tanti problemi con l’essere umano, senza capire che è tutto inutile, visto che non vuole capire… o fa finta di non capire. Risponde pioggia: Ho capito il discorso allora. Anche io mi chiedo: Forse dovrei essere più presente, cosi da ripulire le città, da tutto lo schifo che si trova a terra… e non vado oltre… e continua: l’uomo dichiara che è colpa mia quando le città sono allagate o quando pezzi di terreno scivolano sulla strada. Quello che non capiscono, o fanno sempre finta di non capire e che manca la manutenzione agli stessi tombini, alle stesse strade, tubazioni dell’acqua fognaria e dell’acqua che esce dai rubinetti… insomma  loro si rovinano, con le loro stesse mani e poi cercano di incolpare qualcun altro, una vecchia  storia, non mi ci arrabbio più. Se continuano a disboscare è normale che il terreno scivola, non ci vorrebbe un genio per capirlo, non è vero? Per questo vi dico carissimi, state tutti tranquilli, che l’uomo non ha nessuna intenzione di iniziare a comportarsi bene, per un mondo migliore. Cielo risponde: Bene ragazzi, ora devo andare e mentre diceva queste parole, ecco che arriva terra che dice: Stavo passando da queste parti e vi ho sentito parlare. Tutti salutano e cielo chiede: Veramente, stavo andando via, ma se hai capito il discorso, cosa pensi di tutto ciò? Vorrei sentire un tuo pensiero, chi meglio di te può illuminarci? Risponde terra: certamente è un un’argomento interessante e lungo da fare. Adesso io non so da quando temo che state qui e pertanto cercherò di essere più breve possibile.

Non voglio scoraggiarvi, nel dirvi, che allo stesso uomo di noi non importa nulla. L’uomo continua a vivere come sempre ha fatto, ha nell’animo la distruzione di questo bellissimo pianeta  e nulla è servito, quando abbiamo cercato di avvisarlo, in alcuni casi specifici. Noi dobbiamo continuare  a essere presenti, come abbiamo sempre fatto, cercando di fare bene il nostro lavoro, senza rimpiangere nulla. Non è colpa nostra se la terra è in queste condizioni. Lo stesso essere umano, continua con l’inquinamento dell’aria, delle acque e pensiamo ai disboscamenti, città che non vengono pulite, persone che continuano a gettare carte di ogni genere a terra, anche dall’auto, senza nessun problema e purtroppo adesso, anche le mascherine, si vedono a terra. Foglie di ogni genere, ammucchiate per strada, continuano a far fare i bisogni per strada ai loro cani, senza degnarsi di pulire i loro escrementi, insomma, è caos totale ed io ne pago e ne pagherò le conseguenze. Diciamo che è un vero schifo. Questo è un vecchio discorso e non pensavo che sarebbe stato ripreso. Continuo a dirvi, di non farvi tanti problemi, l’essere umano oramai è  allo sbando più completo e questo virus gli ha dato il colpo di grazia e come avrebbe detto mia nonna: “Sopra lu cott, l’acqua vullit”. L’uomo non ha imparato nulla, pensa solo al denaro è questo sarà la sua principale fonte primaria di rovina. Soldi, soldi, tanti soldi… mi ricorda anche un film questa frase. Spero di essere stato chiaro, ok? Risponde luna: Fin troppo chiaro, almeno questo è il mio giudizio. Risponde sole: Si si, sono d’accordo con luna. Adesso devo andare, un saluto ed al prossimo incontro. Risponde anche cielo: Vado anche io e vi ringrazio per questa discussione, che è stata molto interessante. Purtroppo ho capito, che al giorno d’oggi, le parole di San Francesco, rimangono solo belle parole è basta… spero solo che qualcuno non si pentirà di averci dato tutta questa ricchezza… inutili all’essere umano… 

error: Il contenuto è protetto!!!