Gridare a tutti

Gridare a tutti la Buona Notizia

gridare a tutti

“Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura…”

Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno». Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l’accompagnavano.

Gridare a tutti la buona notizia. Marco è un evangelista che non spreca molte parole: gli piace dipingere la situazione con pochi tratti. Quello di oggi è l’ultimo discorso di Gesù ai suoi discepoli, prima di ascendere al cielo. Si tratta di un mandato, un invio, il conferimento di una missione totalizzante e perentoria: “E’ necessario proclamare il Vangelo, gridare la buona notizia dell’amore che vince la morte!”. Questa predicazione accorata è accompagnata da “segni”. Vale a dire che dev’essere concreta, non teorica o astratta. Dev’essere una parola con della “ciccia”, capace di tradurre nella realtà quotidiana l’amore di Dio. Certo, i segni descritti non sono proprio quotidiani, hanno il sapore dei super poteri. Ma se andiamo oltre il genere letterario e grattiamo in profondità, scopriamo che sono tutti segni per gli altri. E’ un po’ come se Gesù dicesse: “Se sarete miei discepoli, farete tutto per gli altri”. I segni indicati da Marco sono infatti al servizio del prossimo, servono per spiegarsi meglio, per curare le ferite, per essere vicini a chi soffre… L’invito di Gesù non dovrebbe renderci dei supereroi della verità, ma umili e instancabili servitori del prossimo. Signore, aiutami a portare il tuo annuncio a tutti i fratelli, incominciando dai “confini” dei miei cari.

Buona festa di San Marco!
Le Sorella Clarisse (in parte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!