Ascolto dei piccoli

“Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli…”

ascolto dei piccoli

Matteo 11:25-27

Ascolto dei piccoli. In quel tempo Gesù disse: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.

L’ASCOLTO DEI PICCOLI. Qual è la differenza tra “un sapiente” e “un piccolo”? Che i piccoli sono coloro che sono disposti ad ascoltare, mentre invece i sapienti sono quelli che non ascoltano perché pensano di sapere già tutto. Non si può rivelare niente a chi pensa di sapere già tutto. Mentre si può rivelare tutto a coloro che con gli occhi sgranati e le orecchie spalancate sono attenti ad ascoltarti. Dio trova i suoi migliori interlocutori nella gente semplice come i bambini, in coloro che sanno sorridere, godere di un tramonto, capire il valore del silenzio, essere capaci di pudore ma anche di generosità.
I più grandi teologi sono stati innanzitutto dei “grandi piccoli” che davanti a Dio si sono comportati come bambini affezionati e innamorati. Solo chi ascolta, conosce. Se noi vogliamo conoscere Dio dobbiamo farci piccoli, cioè ascoltarlo. Se vogliamo conoscere i nostri figli, i nostri genitori, i nostri coniugi, dobbiamo farci piccoli, cioè ascoltarli. Ma anche noi Chiesa, se vogliamo conoscere il mondo, dobbiamo farci piccoli e ascoltarlo.

“Signore, donami un cuore di fanciullo che ti sappia ascoltare.”

Buona giornata!
le clarisse di Mantova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto!!!